Test d'accesso a.a. 2020-2021

TEST DI VERIFICA DELLE CONOSCENZE INIZIALI DELLO STUDENTE

ll Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza non è ad accesso programmato.

Per gli studenti che nell'a.a. 2020/2021 si iscrivono a questo corso (anche provenendo da altro Ateneo nel quale non abbiano superato analoga prova) sono predisposti dei test di verifica delle conoscenze iniziali dello studente. La partecipazione a tali test è obbligatoria.

Non devono sostenere il test di verifica:

  • gli studenti già iscritti al Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza LMG/01 o al Corso di laurea triennale in Servizi giuridici L14 in altro Ateneo e che abbiano già superato tale test nella sede di origine;
  • gli studenti degli Istituti Statali di Istruzione Superiore che abbiano, nel corso dell'anno scolastico 2019/2020, effettuato e superato il test presso la sede della propria Scuola e abbiano ottenuto la certificazione rilasciata dal Dipartimento.

Il test verte su argomenti di cultura generale, con particolare riguardo a principi dell’ordinamento italiano e all’attualità politica, storia moderna e contemporanea, attitudine al ragionamento giuridico, lessico e operazioni elementari del discorso. Per l'anno accademico 2020/2021 sono state previste le seguenti sessioni di esame:

3 ottobre 2020, ore 9.30: iscrizioni dal 18 agosto al 30 settembre 2020;

16 gennaio 2021, ore 9.30: iscrizioni dal 25 novembre 2020 al 13 gennaio 2021.

Le prove si svolgeranno presso la sede del Dipartimento in via P.A. Mattioli, 10.

Per l'iscrizione al test è necessario accedere alla Segreteria online. La partecipazione al test è previsto il pagamento di un contributo pari a 30 euro.

 

Per la preparazione al test è richiesta:

  1. una sufficiente conoscenza della Costituzione italiana;
  2. una sufficiente conoscenza del programma di storia svolto nell'ultimo anno della scuola superiore;
  3. una lettura attenta del volume: E. Stolfi, S. Benvenuti, R. Tofanini, Verso Giurisprudenza. Guida alle prove di accesso ai corsi di laurea giuridici., Giappichelli, Torino 2019.

E' inoltre consigliata la lettura di uno dei seguenti testi:

A. Artosi, Ragionamento e persuasione nel diritto, in AA.VV. Argomenti di teoria del diritto, Giappichelli, Torino, 2016;

M. Barberis, Introduzione allo studio del diritto, Giappichelli, Torino, 2014, cap. 2-3;

S. Bertea, A. Porciello, Breve introduzione alla logica e informatica giuridica, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2003, cap. 1-2;

N. Bobbio,Teoria generale del diritto, Giappichelli, Torino, 1993;

G. Carcaterra, La logica della scienza giuridica, Giappichelli, Torino, 2015;

V. Italia, Il ragionamento giuridico, Giuffré, Milano, 2009;

F. Schauer, Il ragionamento giuridico. Una nuova introduzione, Carocci, Roma, 2016, cap. 1-5;

E. Stolfi, Gli attrezzi del giurista. Introduzione alle pratiche discorsive del diritto, Giappichelli, Torino, 2018.

Per gli studenti che in tale prova non conseguono un esito positivo saranno organizzate attività didattiche integrative stabilite dal Comitato per la Didattica e adeguatamente pubblicizzate sulla pagina web del Corso di studio. Gli obblighi formativi aggiuntivi dovranno essere soddisfatti entro il primo anno di corso.